icon-eventi
Evento

AIS Asti Médoc La storia dell’acclamato vino di Bordeaux con sei assaggi di alto profilo.

Asti, Enotecamica - mappa
26 Ottobre 2022
21.00
Degustazione guidata di 6 vini

Modalità di accesso
Iscrizione online obbligatoria e vincolante.
Pagamento in sede, la sera dell’evento.

Sconto soci AIS
Agli associati è riservato un prezzo speciale di 75 €.

Prezzo 80,00
Prezzo Soci 75,00
Iscrizioni chiuse

Contatti

paolo_poncino

Paolo Poncino Delegato AIS Asti

Nella vita è consulente finanziario, per l’AIS è il Delegato di Asti e l’ideatore di Sbarbatelle. Il Riesling della Mosella è il suo vino preferito ma nel cuore ha tutti i vitigni piemontesi, soprattutto quelli da riscoprire. Instancabile viaggiatore, contrasta la frenesia studiando le discipline olistiche.

Di cosa parliamo

Il 26 ottobre, AIS Asti dedica una serata al Médoc: cuore del comprensorio più grande e importante del mondo, non è soltanto una conosciutissima zona del vino ma rappresenta la sua più grande nobiltà, con il fascino dei suoi Château e l’enorme valore della sua produzione.

Attraverso il racconto di questo territorio, guidati da Fabio Gallo, delegato AIS Torino, percorreremo la storia dell’acclamato vino di Bordeaux con sei assaggi di alto e significativo profilo. Da non perdere.

In degustazione
Château d’Angludet 2005 Margaux
Château Sociando Mallet 2012 Médoc
Château Montrose 2011 Saint Estephe
Château Pichon Longueville Comtesse de Lalande 2010 Pauillac
Château Ducru-Beaucaillou 2007 Saint Julien
Château “M” André Lurton 2016 Margaux

La quota comprende

Degustazione guidata di 6 vini

Relatori

presidente_fabio_gallo

Fabio Gallo Delegato AIS Torino

La sua storia in AIS comincia nel 1989 con i corsi di Torino. Sommelier professionista dal 1993, ha vinto nello stesso anno il Premio Decanter d’Oro. Nel 1994 ha ricoperto la sua prima carica da Presidente, poi delegato di Torino e poi nuovamente Presidente. Dal 1999 è responsabile regionale della Guida dell’Associazione Italiana Sommelier. Appassionato, curioso viaggiatore, collega da sempre la sua professione al vino di qualità e alla conoscenza dei suoi protagonisti, cercando di coglierne caratteri e magia. Nel 2022 è nuovamente eletto Delegato di Torino.